Molto più di un semplice «caffè»

Melanie Diem e Denise Weber hanno realizzato con tanto impegno e fatica il sogno di aprire un locale tutto loro. Se all’inizio il «Franz» era più che altro noto per il caffè e le torte, oggi sul menù si trovano anche piatti a base di carne gustosi e regionali. In questo modo le due ristoratrici intendono anche rivolgersi in particolare ai clienti uomini.

Chi desidera prenotare un tavolo al caffè e ristorante Franz, è bene che lo faccia nel modo tradizionale. Le due padrone di casa Melanie Diem e Denise Weber, infatti, non hanno tempo di stare sedute per ore e ore davanti al PC a scrivere e-mail. E lo ribadiscono anche sul loro sito: «Dato che trascorriamo la maggior parte del tempo appresso al forno e dietro al bancone, non possiamo gestire per e-mail le prenotazioni, le cancellazioni o altre incombenze di questo tipo. Vi chiediamo di alzare la cornetta e di chiamarci oppure di passare al ‹Franz› di persona.»

Anche «Forchetta & Coltello» ha preso a cuore la questione e, in un bel lunedì di sole, si è recata nella Svizzera orientale per fare visita alle due gastronome nel quartiere di Linsebühl a San Gallo. Qui, nell’ex zona a luci rosse, si è sviluppato nel corso degli anni un interessante quartiere residenziale, particolarmente amato dalle famiglie giovani. Un mix variegato che piace anche a Melanie Diem e Denise Weber. Anche per questo motivo, quattro anni fa, le due amiche hanno deciso di rilevare l’esistente ristorante Morgensonne e di rinnovarlo completamente per aprire il nuovo caffè Franz.

Verso il successo con charme

Non ci è voluto molto alle imprenditrici novelle per essere ricompensate del loro coraggio. «Eravamo completamente sopraffatte!» ricorda Melanie Diem. «Mai avremmo pensato a un’affluenza simile.» In realtà questo successo non è affatto sorprendente: bastano pochi passi all’interno del locale per capire che qui sono state investite davvero molte energie. Lo si vede dall’arredamento che irradia ancora molto fascino d’altri tempi, seppur sia stato rinnovato quel tanto che basta a renderlo non antiquato e sorpassato.

E se parliamo di charme... le due donne che gestiscono il locale ne hanno da vendere! Si avverte chiaramente che per loro l’ospitalità non è solo una parola, bensì un’esperienza da vivere appieno. Le due imprenditrici, la 32enne Melanie Diem e la sua socia di cinque anni più grande, si sono avvicinate alla scena gastronomica provenendo da altri settori. Hanno sempre cucinato per passione e con passione, nel privato o in occasione di diversi progetti di gastronomia. In questo momento è Weber a stare ai fornelli al «Franz», mentre Diem è in prima linea come padrona di casa. Ma non appena la routine comincia a pesare, le due socie si scambiano i ruoli.

Da caffè a ristorante

Oltre all’atmosfera e alle titolari, c’è anche un altro fattore decisivo per determinare se un’attività commerciale in ambito gastronomico avrà successo o meno: l’offerta. E anche in questo caso il «Franz» ha fatto centro. Il locale è molto più di un semplice caffè. Continuano ad arrivare al «Franz» molti clienti per assaggiare le torte e i dolci fatti in casa, nel tempo però le due socie hanno anche ampliato la loro offerta. Oggi il menù propone numerosi piatti stagionali per grandi o piccoli appetiti. Hanno un ruolo sempre più importante i piatti a base di carne e questo soprattutto la sera. La carne proviene da aziende locali come la macelleria Fuchs di Grub e la fattoria Dreilinden. Nella scelta dei prodotti, le due donne prestano attenzione al fatto che l’offerta sia varia. «L’importante è che gli ingredienti siano locali: da noi non si trovano prodotti di massa», sottolinea Denise Weber. Questa filosofia pervade l’intero progetto del «Franz». Proprio per questo impegno, il locale è stato onorato con il premio «La nostra scelta: carne svizzera» ai Best of Swiss Gastro Awards 2017. Oltre a ottenere il premio creato da Carne Svizzera nel 2014, il «Franz» è arrivato al 2° posto anche nella categoria dedicata alle caffetterie. «Un riconoscimento prezioso per i tanti sforzi profusi per la crescita dalla nostra azienda», afferma con soddisfazione Melanie Diem.

Se inizialmente al «Franz» venivano serviti soprattutto piatti semplici come piatti unici, zuppe e insalate, oggi gli ospiti sono lieti di poter gustare anche creazioni raffinate. In primavera, ad esempio, si può trovare il duo di vitello su salsa al vino rosso con polenta all’aglio orsino, oppure ora in estate lo spiedino di scamone di manzo dell’ Appenzello con salsa chimichurri, pomodori al forno e broccoli con quark alle erbe e prezzemolo fresco, il tutto servito su «Fladenbrot» (pane schiacciato). Le due gastronome ci hanno fatto un’interessante confidenza: «Più carne è presente sul menù, più uomini ci sono nel locale.» Il fattore maschile ha giocato un ruolo anche nella scelta del nome: «Volevamo un nome autoctono», afferma Diem, che poi svela: «Franz non esiste veramente.»

Molte altre informazioni sul premio «La nostra scelta: carne svizzera» sono disponibili qui.